Proinfluent expert de LinkedIn marketing BtoB (anciennement Linkinfluent)

V-cycle: la guida completa per imparare a gestire al meglio i tuoi progetti

La Guida Completa al V-Cycle

Sommaire

Sommaire

Qualsiasi azienda, digitalizzata o meno, in remoto o in loco, deve adottare una gestione efficiente dei progetti per ottenere produttività e redditività. Eppure, quante aziende hanno davvero realizzato questa esigenza? Uno studio di Wrike rivela che il 66% dei dipendenti afferma di essere insoddisfatto del processo di gestione dei progetti della propria azienda . Dobbiamo agire! Ma come scegliere il metodo giusto per la propria azienda e come integrare senza intoppi questa nuova organizzazione? Perché fare la scelta sbagliata in uno di questi aspetti potrebbe avere gravi conseguenze (problema di consegna, cattiva atmosfera sul lavoro, ecc.). Proinfluent ti accompagna iniziando presentandoti il V-cycle . Vuoi sapere se questo metodo di gestione, tanto classico quanto essenziale, può soddisfare le tue esigenze? Leggi questo articolo senza ulteriori indugi!

V-cycle: la guida completa per imparare a gestire al meglio i tuoi progetti

Cos’è il ciclo a V?

Definizione

Il metodo “V-Cycle” è nato inizialmente nel settore industriale, per poi diffondersi ampiamente nei progetti informatici negli anni ’80. Ma il suo successo va ben oltre! Perché oggi è il modello di management per eccellenza , quello che si insegna principalmente nelle scuole. Oggi a questo modello si contrappongono i cosiddetti metodi “agili”, sempre più diffusi. Ma torneremo in dettaglio sulle differenze tra il V ciclo e il metodo agile più avanti!

Il ciclo a V, o V model in inglese, è un metodo di project management in due fasi, una per ogni ramo di V. Troviamo così a fase discendente , dall’esigenza espressa dal cliente fino alla realizzazione del prodotto, e a fase ascendente , dal prodotto finito alla verifica della sua qualità. Ma anche i due rami della V comunicano e interagiscono tra loro. Ad ogni fase di produzione corrisponde quindi una fase di verifica e validazione. Questo gioco di riferimento garantisce la qualità del prodotto finito per la soddisfazione del cliente garantita.

Definizione del V-ciclo

Le 9 fasi del V-cycle

Se il V-cycle è diviso in due fasi (progettazione e validazione), queste ultime sono suddivise in 9 fasi. Eccoli :

Design

  • Analisi dei bisogni : raccolta dei bisogni del cliente (prodotto desiderato, budget disponibile, ecc.). Questo passaggio può essere anche oggetto di uno studio di fattibilità;
  • Specifiche : redazione delle specifiche funzionali (CDCF) sulla base delle specifiche funzionali del prodotto. È un documento che riassume gli obiettivi del progetto, gli stakeholder, i vincoli tecnici, le aspettative… Questo passaggio può essere basato su un’analisi SWOT per una diagnosi completa esterna ed interna dell’azienda;
  • Progettazione generale (detta anche progettazione architettonica o progetto preliminare): elenco dei mezzi necessari per realizzare il progetto. Questo passaggio consente di comprendere le esigenze tecniche e finanziarie per la realizzazione del progetto. Se l’azienda individua un punto di blocco in questa fase, può, in accordo con il cliente, rivedere le specifiche;
  • Progettazione esecutiva : dettaglio dei componenti (passaggi) indispensabili alla realizzazione del prodotto.
  • Implementazione (detta anche realizzazione o integrazione di sistema): creazione e assemblaggio di tutti i componenti per realizzare il prodotto finale.

La convalida

  • Unit test : verifica del corretto funzionamento e del rispetto delle specifiche di ogni componente;
  • Test di integrazione : verifica del funzionamento del prodotto finito, una volta assemblati tutti i componenti;
  • Test di sistema (detti anche test di validazione): situazione reale per verificare la conformità del prodotto alle specifiche e alle specifiche del prodotto;
  • Test di accettazione (detto anche accettazione funzionale): validazione del prodotto in relazione alle esigenze espresse dal cliente durante la fase 1. Tale validazione può essere effettuata sia con un ente di validazione composto da esperti, sia direttamente dal cliente.

Vantaggi e svantaggi del ciclo a V

Vantaggi

Ci sono opportunità reali per le aziende che utilizzano il V-cycle per modellare la loro gestione dei progetti. E per una buona ragione, ci sono molti vantaggi che il metodo offre oggi:

  • Facile da configurare : il V-cycle richiede meno formazione dei dipendenti rispetto a un metodo Scrum (un metodo di gestione del progetto agile che richiede di ritagliare e organizzare tutte le attività);
  • Aumento della produttività : il confronto con il cliente a monte del progetto e lo sviluppo delle specifiche consentono agli stakeholder di avere tutte le informazioni necessarie in loro possesso. Inoltre, ogni membro del team sa esattamente qual è il proprio ruolo e cosa deve fare;
  • Risparmia tempo: pilotando un progetto da un unico blocco, evitiamo riunioni quotidiane e incessanti backtracking per ridefinire le specifiche originali. Per il V-cycle sono necessarie solo riunioni di pilotaggio che fungano da passaggio da una fase all’altra. Inoltre, questa pianificazione quasi militare riduce al minimo i tempi di fermo e consente di rispettare una certa velocità di produzione. Infine, l’esauriente documentazione, realizzata durante la fase di discesa, consente di risolvere molti dei problemi riscontrati durante la fase di salita. Ciò riduce notevolmente la necessità di ritocchi alla consegna;
  • Risparmiare denaro : il processo trasparente dell’intero ciclo di vita del progetto consente di definire una dotazione di budget sin dalla fase di progettazione generale. C’è da aspettarsi poche sorprese;
  • Miglioramento della qualità del prodotto consegnato : l’intera fase discendente di progettazione, unita alla fase ascendente di verifica tramite test, garantisce la qualità del prodotto finale. E per una buona ragione, il valore è misurabile grazie a criteri precisi. Ciò consente anche di limitare i rischi e le problematiche riscontrate durante la realizzazione.
Scopri i vantaggi del V-cycle!

Svantaggi

Questo classico modello di project management non è però esente da rischi. E per una buona ragione, il V-cycle presenta alcuni inconvenienti che possono spingere le aziende ad adottare altri metodi di gestione.

  • Mancanza di flessibilità : il ciclo a V è piuttosto rigido, il che lascia poco spazio agli imprevisti. Pertanto, a volte è complicato riprendersi quando le squadre incontrano, nonostante le stime, un problema. Allo stesso modo, il ciclo V viene spesso utilizzato per progetti abbastanza grandi. In altre parole, il tempo che intercorre tra l’espressione del bisogno e la ricetta del prodotto finale è a volte lungo, se non lunghissimo. Solo che nel frattempo cambia il mercato, cambia il contesto economico. È quindi possibile che il prodotto non soddisfi più le aspettative del cliente. Insomma, non tollera bene i cambiamenti per effetto “tunnel”. Tuttavia, è possibile limitare questo rischio effettuando un’analisi PESTEL a monte del progetto;
  • Mancanza di comunicazione : ogni membro del team ha un ruolo ben definito e si affida alla documentazione quando incontra un problema. Di conseguenza, la comunicazione tra i diversi membri del team è quasi inesistente;
  • Installazione noiosa : anticipare tutte le esigenze e le specifiche necessarie fin dall’inizio redigendo vari documenti è un lavoro abbastanza noioso, non ve lo nascondiamo.
Scopri gli svantaggi del V-cycle!

Quando scegliere il ciclo V per la gestione del progetto?

Il V-cycle si adatta a tutti i tipi di progetti e a tutti i tipi di attività? La risposta è no ! Tuttavia, apporta un enorme valore alle strutture multisito o remote . In altre parole, le aziende per le quali i dipendenti sono sparsi ai quattro angoli della Francia o del mondo. Perché ? Perché il V-cycle non richiede alcun incontro quotidiano , come può essere il caso con altri metodi. Le uniche riunioni di pilotaggio che fungono da passaggio da una fase all’altra e che possono essere svolte a distanza consentono quindi un’organizzazione geografica frammentata.

Questo metodo di gestione rimane anche una soluzione rilevante per i progetti avviati in risposta a un bando di gara. Ciò vale anche per i progetti che soddisfano i requisiti di qualità definiti a monte, come l’idoneità alla formazione Qualiopi. E per una buona ragione, in questo caso specifico, i clienti esprimono le loro esigenze dall’inizio e in modo molto preciso. Sei abituato a lavorare con clienti che cambiano le cui esigenze cambiano sistematicamente nel corso di un progetto? Abbandona definitivamente il metodo del ciclo a V, troppo rigido per questa organizzazione!

Un altro criterio da tenere in considerazione prima di iniziare: l’atemporalità del progetto. Assicurati che il progetto non rischi di subire un ritardo tecnologico ed economico tra la prima e l’ultima fase del V-cycle!

Agile, il metodo alternativo di project management

V ciclo vs. Agile

La principale differenza tra il V-cycle e il metodo agile si basa sulle nozioni di adattabilità e flessibilità di fronte al cambiamento. E questo per via dell’organizzazione e della visione del progetto che sono totalmente differenti.

Con il V-cycle metti al centro il progetto adottando così una visione d’insieme sin dall’inizio. Tutto viene poi gestito in un’unica unità, dall’espressione delle esigenze del cliente alla consegna del prodotto finito.

Con agile, metti il prodotto al centro. Il progetto non è più visto nel suo insieme, ma per componenti. In altre parole, si divide il progetto in iterazioni , in uno sprint . Le consegne vengono quindi effettuate ad ogni fine del ciclo iterativo al cliente in modo che possa esprimere la sua opinione e verificare che tutto corrisponda alle sue aspettative. Insomma, non tutto è scolpito nella pietra, e il progetto si affina in base alle problematiche incontrate e alle evoluzioni del mercato. In questo modo si evita quindi qualsiasi assunzione di rischi eccessivi, come durante una consegna alla fine del progetto. Ti rendi conto che stai andando dritto contro il muro? Correggi o interrompi il progetto quando vuoi!

Qual è la differenza tra V-cycle e metodo agile?

L’altra grande differenza tra il V-cycle e l’agile è ascoltare e capire . Infatti, nell’ambito della gestione agile, gli incontri sono molto più frequenti rispetto al ciclo V. A seguito di queste sessioni viene inviato un report al manager che ne prende atto e ne informa il cliente. In altre parole, c’è un vero scambio tra le diverse parti interessate, il che non è necessariamente il caso del ciclo a V. Ma perché funzioni, tutti i membri del progetto devono mettersi in gioco.

Vantaggi dell’approccio agile

Il primo vantaggio dei metodi agili è la flessibilità che apporta nella gestione dei progetti di un’azienda. Cicli brevi tra la produzione e la convalida del cliente forniscono un migliore controllo sul prodotto finale. In qualità di leader, questo ti consente di consegnare più velocemente, perché è iterativo. In altre parole, raggiungi il tuo punto di pareggio durante la fase di sviluppo del progetto, non alla fine .

Il secondo vantaggio è un migliore controllo del rischio. I metodi agili forniscono informazioni fin dall’inizio se il prodotto funziona o meno. In questo modo, non sprechi tempo, energia o denaro in un progetto destinato al fallimento.

E il terzo vantaggio è una maggiore produttività incoraggiata da una mentalità “agile” che ha un impatto positivo su tutti i membri del team. In effetti, l’agilità ha un’influenza positiva sul benessere dei dipendenti. Non solo si sentono considerati, ma ricevono anche maggiori responsabilità. Per il tuo dipartimento delle risorse umane, questo aiuta a trattenere i tuoi dipendenti ed evitare il turnover. E per una buona ragione, i tuoi dipendenti si sentono ascoltati e necessari nel corretto sviluppo del progetto. Inoltre, si evolvono in un’azienda in cui la comunicazione è essenziale, e questo non ha prezzo.

Il ciclo a V, in conclusione

Il V-cycle è un classico metodo di gestione dei progetti efficiente e facile da implementare. Vuoi sapere se questo metodo fa per te? Facciamo un check-in!

  • Il ciclo a V è composto da due fasi (discendente e ascendente) e 9 fasi.
  • Questo metodo di gestione del progetto ha molti vantaggi (facile da configurare, migliore produttività, risparmio di tempo e denaro, miglioramento della qualità del prodotto finale).
  • Ma ha anche alcuni inconvenienti come la mancanza di flessibilità e comunicazione. Anche l’impostazione di tutta la parte relativa alla documentazione è piuttosto noiosa.
  • Di conseguenza, il ciclo V è particolarmente adatto per strutture multisito, progetti derivanti da un bando di gara e progetti senza tempo.
  • Se il metodo V non ti soddisfa per la gestione dei tuoi progetti, puoi sempre optare per i cosiddetti metodi agili.

Ciclo in V, per riassumere in 4 domande

Qu'est-ce que le cycle en V ?

Il ciclo V, o modello V in inglese, è un metodo di gestione del progetto in due fasi, una per ogni ramo della V. Troviamo così una fase discendente, dall’esigenza espressa dal cliente alla realizzazione del prodotto, e una fase ascendente, dal prodotto finito alla verifica della sua qualità.

À quoi sert le cycle en V ?

Il V-cycle è un metodo di gestione del progetto che migliora la produttività del team inquadrando bene il progetto dall’inizio della missione. Questo metodo di lavoro consente inoltre di risparmiare tempo definendo un chiaro programma di produzione e ruoli per ciascun membro del team di progetto.

Comment choisir entre cycle en V et agile ?

Il V-cycle si oppone ai cosiddetti metodi agili. Mentre il V-cycle è la gestione del progetto, l’agilità è la gestione del prodotto. Quindi, se un progetto viene gestito nella sua interezza per il V ciclo, viene gestito per iterazioni con il metodo agile.

Quelle est la différence entre le cycle en V et la méthode en cascade ?

Il ciclo V è un derivato del metodo a cascata. Quindi, se il metodo a cascata non consente un ritorno ai passi precedenti, il ciclo V permette di tornare indietro grazie alla comunicazione tra le due fasi. Il ciclo a V offre quindi un po’ più di flessibilità rispetto al metodo a cascata.

Cet article a été publié en premier sur https://www.proinfluent.com/

Vous avez trouvé une faute d’orthographe dans cet article ? Vous pouvez nous en faire part en sélectionnant le texte en question et en appuyant sur Ctrl + Entrée .

Vous aimez cet article ? Aidez-moi en le partageant !

Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on facebook
Share on pinterest
Share on email
Yannick Bouissière Expert LinkedIn

Qui est Yannick BOUISSIERE ?

Considéré comme l’expert LinkedIn™ n°1 en francophonie, j’ai aidé plus de 10 000 personnes à améliorer leur visibilité sur LinkedIn™ et à générer de réelles opportunités professionnelles.

J'accompagne et forme :
1. les professionnels à attirer et trouver des clients B2B sur les 5 prochaines années sans débourser un centime en publicité,
2. les professionnels à métamorphoser leur profil LinkedIn™ pour qu'il convertisse les visiteurs en prospects,
3. les professionnels à trouver l'emploi de leur rêve.

Enfin, nous vous aidons à vous libérer de 97% du temps de prospection commerciale BtoB grâce à la prospection commerciale externalisée. Et ce, avec une Triple Garantie 100% Résultats.

Voici nos formations LinkedIn™ et nos services de prospection & marketing BtoB.

Si vous découvrez ce site pour la première fois, suivez notre formation LinkedIn gratuite.

Bonne lecture !

Spelling error report

The following text will be sent to our editors: