Proinfluent expert de LinkedIn marketing BtoB (anciennement Linkinfluent)

Inbound Marketing: IL metodo per generare lead in modo sostenibile

Marketing in entrata

Sommaire

Sommaire

Inbound Marketing: IL metodo per generare lead in modo sostenibile

In questo articolo svilupperemo il concetto di Inbound Marketing, una strategia essenziale per affermare la tua posizione di esperto nel tuo campo e moltiplicare le tue prospettive. Il seguente articolo affronterà diversi aspetti della strategia di Inbound Marketing, svilupperà i concetti risultanti e ti fornirà molti consigli.

Inbound marketing: definizione

Per cominciare, dobbiamo definire cos’è il marketing in entrata. Questa è una tecnica di marketing opposta al marketing tradizionale: portare il cliente da te, piuttosto che andare a cercarlo. Il marketing in entrata potrebbe essere tradotto con “marketing in entrata”, opposto a marketing in uscita, “marketing in uscita”, che veniva utilizzato sistematicamente prima, ad esempio utilizzando campagne telefoniche, e-mail, mailing di massa, pubblicità a pagamento, annunci, ecc.

Infatti, l’obiettivo dell’Inbound Marketing è quello di incoraggiare il consumatore ad adottare l’approccio di avvicinarsi al proprio business . I ruoli sono invertiti . Il consumatore ha un bisogno, fa ricerche, poi si avvicina a te per conoscere le soluzioni disponibili per rispondere alle sue domande.

Inbound Marketing è stato inizialmente chiamato “marketing di autorizzazione”, una nozione sviluppata da Seth Godin (ex direttore marketing di Yahoo e poi autore e relatore di successo), che ha introdotto l’idea di chiedere il permesso ai potenziali clienti del proprio sito Web. inviare contenuti informativi, un concetto del tutto contrario alle pratiche pubblicitarie in vigore fino ad allora. Poi il fondatore di HubSpot Brian Halligan ha diffuso ampiamente il concetto, questa volta usando la frase Inbound Marketing: produrre contenuti il più qualitativi possibile in modo che i motori di ricerca e gli utenti vi prestino attenzione senza un dispositivo pubblicitario chiamato classico.

L’avvento dei social network, dell’e-commerce, dello shopping sul web, unito all’atteggiamento dei clienti in rapida evoluzione, documentato a monte, ha innescato un vero e proprio cambiamento nelle modalità in atto nel percorso di acquisto dei consumatori. Le aziende hanno dovuto adattare le proprie tecniche per far fronte a questo sconvolgimento che ha ribaltato tutti i codici precedentemente stabiliti nella storia del marketing, mettendo in atto da decenni le strategie tradizionali allora in atto in una situazione un po’ superata.

In effetti, l’Outbound Marketing (marketing tradizionale) è diventato meno efficace nel tempo a causa di tre elementi principali :

  • La sovrabbondanza di pubblicità (in media un consumatore si trova davanti a 3.000 messaggi pubblicitari al giorno!), che letteralmente affogano il pubblico sotto i loro assalti;
  • L’abitudine : per forza, il consumatore non è più ricettivo alla pubblicità, si stanca molto si muove rapidamente e rapidamente;
  • Progressi tecnologici : ad blocker, dispositivi antispam nelle caselle di posta, Il sistema Bloctel, tra gli altri, tende a prendere le distanze dal marketing classico consumatori che hanno compreso il messaggio e non desiderano più vedere il loro vita quotidiana invasa da offerte invadenti di cui conoscono tutti gli ingranaggi.

La metodologia di Inbound Marketing in sintesi

Il principio base dell’Inbound Marketing è quello di attrarre da solo il potenziale cliente senza dover ricorrere alla classica pubblicità, considerata invadente e quindi disturbante. L’Inbound Marketing è una strategia completa da integrare nel tuo piano di prospezione e che prevede diversi passaggi: produzione di contenuti, condivisione sui social network, referenziazione, analisi, monitoraggio, ascolto, ma soprattutto autenticità, perché dovrai distinguerti!

Metodologia di marketing in entrata – © Proinfluent

L’Inbound Marketing segue una metodologia che può essere suddivisa in quattro punti (di cui parleremo un po’ più avanti in questo articolo):

  1. creare traffico
  2. Ottenere conduce
  3. Convertire nei clienti
  4. Conservare

L’elemento chiave dell’inbound marketing

L’elemento chiave dell’inbound marketing è creare una relazione con gli utenti in tutte le fasi del percorso di acquisto . L’obiettivo è abbattere i confini tra azienda e pubblico, liberando un’immagine accessibile, generosa, più umana: il contrario delle solite campagne pubblicitarie che invadono la quotidianità, si rivolgono solo al prodotto e danno la sensazione di voler forzare la vendita.

Inbound Marketing dà alla personalizzazione un posto preponderante . Gli utenti si sentono più preoccupati, e quindi più inclini alla scoperta. In questa mentalità, sono meno sulla difensiva e hanno maggiori probabilità di diventare clienti fedeli.

Prima di approfondire la metodologia che ti permetterà di impostare un Inbound Marketing efficace e redditizio, parliamo di questa strategia in generale, in modo da immergerti definitivamente in questo concetto che ti aiuterà a sviluppare il tuo business.

L’Inbound Marketing ti permetterà di creare un forte universo attorno al tuo brand, grazie ai contenuti che fornirai. In effetti, i visitatori si divertiranno a scoprire il mondo della tua azienda, la sua offerte di servizi attraverso pubblicazioni informative, aneddotiche, magari anche umoristiche, piuttosto che cadere per l’ennesima volta su una pubblicità di cui conoscono tutti i trucchi a forza di esserne saturati tutto il giorno. Si sentiranno più vicini a te, al tuo marchio e sentiranno il lato umano, quasi alla pari, prima di approfondire il lato commerciale che rappresenti. Diventerai un vettore di condivisione e non una nuova azienda abile e appassionata di offensive pubblicitarie come le altre.

Il web ha cambiato notevolmente il panorama della domanda e dell’offerta . Il supporto è ora designato come parola chiave della relazione virtuale tra il potenziale cliente e l’azienda. L’Inbound Marketing, se seguiamo questa idea, diventa quindi fondamentale.

Ma la sua principale risorsa è che la tua pubblicità viene fatta da sola, attraverso i tuoi contenuti, guidata dai tuoi valori interni e dalla tua storia. Il contenuto è re e la qualità è la parola chiave.

Inbound Marketing: come farlo?

Ora studieremo la metodologia di un Inbound Marketing ben congegnato, che ti permetterà di generare prospect in modo sostenibile ed efficiente. È una vera risorsa per lo sviluppo del tuo business .

Step 0 della strategia di Inbound Marketing: studia il tuo target.

Soprattutto, è essenziale per la tua strategia di marketing in entrata per pensare attentamente a cosa chiama i buyer personas. Questi sono i tuoi clienti perfetti, quelli che tu fate sognare coloro che più di ogni altra cosa vorreste si unissero alla vostra causa. Attenzione, stiamo parlando di rappresentazioni qui, non di persone reali! Egli È comunque utile redigere la tabella, in modo da potersi adattare il più possibile i tuoi contenuti in modo che corrispondano alla tua personalità, comportamento, le abitudini e le esigenze di base del tuo target. Prenditi il tempo per immaginarli, per disegnare il loro modo di agire. Le tue buyer persona ti aiuteranno per produrre contenuti che corrispondano al tuo pubblico di destinazione.

Primo passo della strategia di Inbound Marketing: attrarre visitatori

Attrarre visitatori sul tuo sito è il primo passo nella strategia di marketing in entrata. Maggiore è il traffico, maggiore sarà l’ampiezza in termini di lead. Per fare questo, nessun segreto: devi fornire contenuti di qualità, in modo che la visibilità sia massima.

I blog sono probabilmente la soluzione più completa per fornire contenuti ricchi ad alto valore aggiunto. Grazie ad esso, distribuisci i tuoi contenuti e hai una piattaforma di scambio già consolidata con il tuo target se attivi la funzione commenti sui tuoi articoli. Un blog curato, che alterna argomenti diversi, in un tono che definisce e valorizza la tua immagine di marca sarà la tua migliore vetrina , prova, stai guardando il mio?.

Il blog è come un libro che i visitatori esploreranno per attingere conoscenza. Se il tuo contenuto Corrisponde a loro e ha un vero valore aggiunto rispetto ad altri, il blog avrà un effetto di dipendenza su di loro, vorranno saperne di più, lo leggeranno in a dall’inizio alla fine, trascorrerà del tempo lì e conoscerà il tuo universo. Sul tuo blog, puoi dare libero sfogo alla tua creatività per offrire ai tuoi visitatori un’esperienza unica! L’ambiente di il blog è molto competitivo… distinguiti!

Per una visibilità ottimale e maggiori opportunità di pubblico, la SEO è fondamentale, non trascurarla e sviluppa una strategia, una linea di condotta attorno ad essa. Prestagli attenzione e prestagli attenzione. Oltre il 70% degli utenti di Internet inizia con una ricerca su Google quando ha bisogno di qualcosa . Considera che il tuo target, qualunque esso sia, funziona come questo 70% di utenti Internet. È quindi nel tuo interesse essere tra i primi suggerimenti del motore di ricerca leader a livello mondiale in modo da raggiungere il maggior numero possibile di persone fin dai primi momenti dell’esperienza del visitatore.

Infine, per attirare più visitatori possibile, non trascurare l’impatto dei social network. I contenuti condivisi su un social network e soggetti ai commenti degli utenti e ad altri Mi piace sono una manna per il tuo marchio. Le reti fanno parte della vita quotidiana di milioni di persone in tutto il mondo, a tutte le ore del giorno e della notte, il loro impatto è significativo e accentuerà la già forte presenza con il semplice contenuto dei tuoi contenuti.

passo della strategia di Inbound Marketing: convertire i visitatori interessati in potenziali clienti

I visitatori che hai generato dalla qualità dei tuoi media, dalla tua presenza sui social network e dalla SEO sono interessati a ciò che trasmetti. Ecco il tuo pubblico definito! L’obiettivo è ora quello di saperne di più su questi lead al fine di entrare in contatto con loro per supportarli fino alla fine del loro progetto .

Per questo, puoi impostare quello che viene chiamato un magnete in piombo. Il lead magnet è contenuto ad alto valore aggiunto, inedito, messo a disposizione dei futuri clienti in cambio di informazioni su di loro (principalmente un indirizzo e-mail). Questi contenuti non dovrebbero ovviamente essere copie dei post del tuo blog, al contrario, dovrebbero davvero portare qualcosa di nuovo e molto informativo al futuro cliente.

Strategia di Inbound Marketing: convertire i visitatori in lead.
Esempio del nostro leadmagnet con un’offerta ‘irresistibile’

Per guidare i tuoi lead a questo contenuto specifico, imposta gli inviti all’azione. Questi sono i pulsanti da cliccare per accedere a questo contenuto. Questi pulsanti porteranno a pagine di destinazione, su cui il lead può, ad esempio, compilare un modulo, rispondere a un quiz, fare un test, partecipare a un sondaggio, ecc. Il numero di landing page può essere illimitato, l’idea è che ognuna corrisponda a un contenuto specifico (torneremo sulle landing page un po’ più avanti in questo articolo). Sii creativo e innovativo nell’esperienza che offri ai lead, perché se uno andrà alla prima landing page, un altro potrà scegliere la seconda o la terza.

L’idea di un’esperienza unica e personalizzata al massimo è il filo conduttore dell’Inbound Marketing, non va dimenticato, in ogni fase della tua strategia.

Varia le offerte e assicurati che siano intuitive. I visitatori devono accedervi con fiducia, essere curiosi e impazienti e soprattutto non esitare a fornire il proprio indirizzo e-mail o il nome della propria azienda. Sul Web, gli utenti sono cauti e potrebbero essere sospettosi. I tuoi contenuti devono creare fiducia, per garantire automaticamente una base sana per le tue future collaborazioni e partnership. Idealmente, nessuno dei tuoi visitatori dovrebbe lasciare il tuo sito web senza fornire informazioni su di loro. Poiché il 98% degli utenti di Internet tornerà solo sul tuo sito, è essenziale “catturare” il loro indirizzo email per mantenere questa relazione.

Una volta messe in atto queste azioni, al fine di ottenere quante più informazioni possibili sui tuoi lead, sarai in grado di passare alla terza fase del processo della tua strategia di Inbound Marketing.

3° passo della strategia di Inbound Marketing: trasformare i tuoi potenziali clienti in clienti

In questa fase della tua strategia di Inbound Marketing, hai raccolto alcuni dei frutti dei tuoi sforzi: abbastanza per contattare i tuoi potenziali clienti. Ma soprattutto siete riusciti a instaurare con loro un rapporto credibile, basato sulla fiducia e sulla vicinanza . Se ti hanno comunicato le loro informazioni, è perché hanno letto i tuoi contenuti gratuiti. Hanno quindi confermato di appartenere ai tuoi clienti target. Si è instaurata una vera comunicazione, ma attenzione, rimane comunque piuttosto fragile, perché non è stato fatto alcun atto di acquisto. Tuttavia, considera che hai già un posto speciale nella mente dei tuoi lead . Ricorda che si sono presi del tempo per interessarsi alle tue offerte, che hanno condiviso i loro indirizzi e-mail e/o altre informazioni con te. L’Inbound Marketing ha la particolarità di stabilire un legame tangibile tra te e il tuo target. Ora devi entrare nel vivo della questione.

Hai già la certezza che i tuoi prospect sono solidi, che hanno un punto d’appoggio in te e sono interessati a ciò che hai pubblicato. Questo è quando uno strumento per analizzare le azioni dei tuoi potenziali clienti sarà la tua guida. Configurare un sistema di analisi che ti dica le azioni perpetrate dai tuoi potenziali clienti è un passaggio essenziale e necessario per il buon funzionamento del tuo Inbound Marketing. Integralo con uno strumento di automazione che invierà il messaggio giusto al momento giusto e alla persona giusta.

Devi mantenere il rapporto di fiducia e vicinanza che hai con i tuoi prospect, e quindi focalizzare la tua forza vendita sui bisogni, l’ascolto e la discussione che emergono dalle loro azioni. Senza dimenticare di vendere, perché è proprio l’obiettivo finale, non pensare a tutti i costi a vendere i tuoi prodotti o i tuoi servizi, non essere questo venditore invadente che è agli antipodi del principio stesso dell’Inbound Marketing e che i lead stanno cercando evitare.

Analizzare le azioni dei tuoi potenziali clienti è essenziale per identificare una strategia basata su ciò che la tua offerta può portare loro. Dopotutto, queste sono persone che sono venute ai tuoi contenuti nel loro processo di ricerca di soluzioni ai loro problemi. Mirare in profondità alle loro esigenze non può che rivelarsi utile nel mantenere il rapporto instaurato e renderlo ancora più qualitativo.

Uno strumento di automazione del marketing è essenziale per aiutarti a trovare campagne di marketing pertinenti e adattate. Questa si chiama Marketing Automation. È uno strumento, o un insieme di strumenti, che automatizzerà alcune azioni da compiere per portare i tuoi prospect alla fine del progetto (l’acquisto), come ad esempio l’invio di e-mail, la pubblicazione di contenuti mirati, ecc. .

Le informazioni ottenute durante la seconda fase dell’Inbound Marketing verranno quindi utilizzate per distribuire contenuti adattati personalmente a questo o quel potenziale cliente . L’ideale è predisporre un sistema di posta elettronica intelligente, che diffonda contenuti relativi a quelli che i prospect hanno già visionato, ma attenzione a non inviare mail troppo spesso, sempre in corsia. ” futuri clienti e di fare le cose “a proprie spese”, in modo offensivo e appariscente come le pubblicità tradizionali.

Poi, durante la fase di discussione con il tuo futuro cliente, pensa profondamente ai momenti di scambio con lui. Ascolta le sue domande, rispondi, affina la tua conoscenza del suo bisogno e muoviti verso una vendita qualitativa.

È grazie a questo passaggio che potrai concludere la vendita e soddisfare le esigenze dei tuoi clienti. Ma il marketing inbound non si ferma qui!

4° passo della strategia di Inbound Marketing: fidelizzare i clienti esistenti

Come sappiamo, un cliente soddisfatto è un cliente che parlerà della sua soddisfazione intorno a lui. Nella sua rete, le persone che svolgono la sua stessa attività hanno sicuramente gli stessi problemi. Persone totalmente estranee al suo campo di attività possono anche conoscere la tua azienda, di te, della tua relazione di qualità con i clienti e rivolgersi ai tuoi servizi per trovare soluzioni diverse. Il tuo cliente esistente è la tua migliore pubblicità. Diventerà un ambasciatore qualificato, che diffonderà intorno a sé il vostro valore aggiunto, soddisfatto sia del vostro servizio, ma anche della qualità del vostro rapporto con il cliente.

Per questo, e questa è la chiave di volta di tutta la tua attività in generale, devi fornire servizi che soddisfino le aspettative dei tuoi clienti, anche oltre le loro aspettative. Già ti sei impegnato con loro in una comunicazione basata sull’ascolto e la comprensione, in questo ti sei già differenziato dalla massa.

Soddisfatti i tuoi clienti, puoi contare sui loro consigli alle loro reti. Per mantenere questa relazione, considera l’implementazione di semplici azioni che sono anche al centro dell’Inbound Marketing (perché tutto non si ferma una volta che le vendite sono state effettuate, anzi!): Inviare un’e-mail su compleanni, inviti ad eventi, ultime notizie, rilevanti e originale sondaggio sulla soddisfazione, non mancano le idee per mantenere un rapporto con i tuoi clienti.

Analizza più e più volte le abitudini dei tuoi clienti, perché altrimenti rischi di perdere elementi importanti. Ad esempio, se il tuo cliente è un ristoratore, una tua email in occasione della Giornata Mondiale della Gastronomia può essere un’idea efficace per soddisfare il cliente oltre la soddisfazione del prodotto consegnato… Sii creativo.

Questi sono i quattro passaggi fondamentali per un Inbound Marketing di qualità, che capitalizza i contenuti del tuo sito tramite un blog, genera traffico, lead, prospect e infine clienti e quindi fatturato.

Focus sui contenuti: chiave di volta dell’inbound marketing

I contenuti che fornisci ai tuoi visitatori e potenziali clienti devono davvero distinguersi dalla massa. È l’innesco per l’intero processo, il primo passo nell’Inbound Marketing, il fattore che manterrà i visitatori nel loro viaggio con te. Ad alto valore aggiunto, il contenuto porterà qualcosa di concreto a chi lo consulta. Ovviamente non si tratta di un unico medium, anzi, si consiglia di variare le esperienze offerte ai visitatori.

I diversi tipi di contenuti per la tua strategia di inbound marketing

  • I post del blog

Essi sono usato frequentemente. Devi quindi fare colpo e scrivere articoli che si distinguono dalla concorrenza. Stabilire un filo conduttore coerente tra i tuoi articoli Questo può passare attraverso il tono, l’impaginazione, la narrazione… Interrogatevi sulla vostra cultura aziendale e identificate i principi che vuoi evidenziare e che i tuoi lead saranno affezionati. Gli articoli i post del blog sono un ottimo modo per condividere il dietro le quinte del tuo azienda, per instaurare un clima di fiducia con i tuoi visitatori. Essi si sentirà coinvolto nel tuo branding, e questo è molto importante in la strategia di Inbound Marketing che, ricordiamo, deve prima di tutto attirare potenziali clienti in un’atmosfera di fiducia e di autenticità.

  • Video

Il video è è diventato IL mezzo efficace e di tendenza. Gli studi hanno dimostrato che i video influenzato i visitatori in modo più efficace. Quindi inizia! Molto sono disponibili strumenti per aiutarti a creare video di vita reale. qualità, che attirerà i tuoi contatti. Particolarmente apprezzato da utenti di smartphone, il video è un formato pratico e divertente che richiede vista e udito allo stesso tempo. Un must per l’inbound Marketing!

A leggi anche: come posta un video su LinkedIn .

  • Infografica, grafici e altri grafici a torta

Grafica offrire informazioni chiare e molto precise su un determinato argomento. Facile da interpretare, alla portata di tutti e con una leggibilità infallibile, un buon l’infografica consentirà all’utente di visualizzare molto rapidamente, da pochi secondi, informazioni di qualità. Per evidenziare numeri, statistiche, percentuali, grafici sono da supporti formidabili. Anche le infografiche sono molto divertenti e pertinenti. Relativamente semplice da creare, puoi inserire informazioni importanti per catturare l’attenzione dei tuoi visitatori e rafforzarli nell’idea che hai dei vantaggi, e non ultimi!

  • Ultime notizie

Ogni settimana, puoi pubblicare notizie relative alla tua attività. Così, in dando appuntamento ogni lunedì (ad esempio) ai tuoi visitatori, creerai continuità nella tua strategia di Inbound Marketing e accentuare l’aspetto comunità della tua immagine di marca.

  • E tutti gli altri…

Interviste, e-book, glossari, giornate mondiali… Tutto rischia di diventare un supporto per creare contenuti di qualità relativi alla tua attività e risposte che puoi fornire alle domande dei tuoi futuri clienti. Voi deve tenerti informato, rimanere “in standby”, per poter aggiorna e conferma la tua esperienza.

Esempi di argomenti da affrontare nella consegna dei contenuti

  • Novità dal tuo settore

Le tue pubblicazioni sarà consultato da tutti gli attori del tuo campo di attività, siano essi essere clienti, concorrenti, fornitori, ecc. Pubblica contenuti di riferimento alle ultime novità nel tuo settore sosterrà il tuo status di esperto e spettacolo il vostro coinvolgimento, la vostra professionalità. Inoltre, soddisferai la curiosità visitatori condividendo notizie, innovazioni, ecc.

  • Recensioni dei clienti

I tuoi clienti soddisfatti sono la tua più grande risorsa. Pubblica le loro testimonianze, le loro opinioni, descrivi il rapporto che si è sviluppato tra loro e te.

  • Dietro le quinte della tua attività

Privo di rivelare tutto, mostrare alcuni momenti in connessione con la vita quotidiana di la tua azienda in un certo senso umanizzerà la tua struttura e rafforzerà la stretto rapporto tra te e gli utenti di Internet. Un nuovo collaboratore nella tua squadra? Fai la presentazione! Qualcosa di nuovo Locale ? Filma la visita! Stai pianificando un evento? Fatto un trailer per stuzzicare la curiosità dei visitatori!

In termini di contenuto, hai l’imbarazzo della scelta. Tuttavia, assicurati di rimanere coerente nella tua linea. editoriale, non deviare in troppe direzioni contemporaneamente. egli è importante mantenere un filo conduttore tra tutte le tue pubblicazioni. Riguarda rimanere professionale, rimanere sempre concentrato sulla propria attività, mentre rompendo l’immagine un po’ troppo formale che a volte emerge da una struttura.

Concentrati sulla pagina di destinazione per generare lead

Esempio della nostra landing page, che porta valore al pubblico e converte i visitatori in lead.

Scopri la mia landing page, dove offro una guida gratuita per avere un profilo LinkedIn esperto . Lei può ispirarti.

In precedenza in questo articolo, abbiamo discusso il termine “pagina di destinazione”. Torniamo ora a questa nozione più in dettaglio, perché è molto importante.

Chiamata anche “landing page” in francese, la landing page è una pagina del tuo sito web che, nella tua strategia di inbound marketing, trasformerà i tuoi visitatori in lead. La pagina di destinazione è accessibile tramite un invito all’azione (che dettagliamo di seguito), ed è su questo che i visitatori possono comunicare informazioni su di loro in cambio di un elemento che desiderano ottenere.

Ricorda: una landing page = un servizio specifico. Deve concentrarsi su un particolare problema del lead, e consegnargli, a seguito della trasmissione dei suoi recapiti, la soluzione a questo stesso problema. Se hai quindici soluzioni, devi avere quindici landing page.

La tua pagina di destinazione deve essere il più efficace e attraente possibile in modo che gli utenti di Internet non esitino a fornire i mezzi per essere contattati. Gli strumenti per la creazione di landing page sono disponibili sul web, scegline uno che corrisponda alla tua cultura aziendale, all’immagine del tuo marchio e soprattutto ai contenuti che distribuisce.

Presta attenzione ai titoli, alle parole e alle eventuali immagini sulle tue pagine di destinazione. Tutto deve tendere al beneficio immediato del contenuto che promette. I visitatori sono presenti sulla landing page per questo motivo!

Infine, rendi intuitivo il modulo di contatto che i tuoi utenti Internet compilano in cambio del contenuto. Il tuo obiettivo non dovrebbe girarsi con il pretesto che è troppo complicato o troppo lungo per ottenere ciò per cui è venuto…

Nota: attenzione al RPDG! Con l’entrata in vigore del presente regolamento europeo sull’uso dei dati personali, qualsiasi organizzazione che raccoglierà dati dovrà ottenere il consenso di coloro che li forniranno. Devi quindi informare i tuoi utenti Internet della finalità dell’utilizzo di questi dati (in questo caso, prospezione), ad esempio facendo spuntare loro una piccola casella che dimostrerà che l’informazione è stata data con cognizione di causa.

Per saperne di più, leggi il mio articolo sulle email e sul GDPR .

Concentrati sulla call to action

Esempio di invito all’azione nel mio riepilogo LinkedIn.

In francese “call to action”, la call to action si manifesta sotto forma di un pulsante o di un link su cui un visitatore cliccherà per fare qualcosa di specifico: scaricare un e-book, partecipare a un quiz, un sondaggio, ricevere un elenco di suggerimenti, ecc. L’invito all’azione indirizza gli utenti Internet a una pagina di destinazione (vedi punto sopra). Affinché i visitatori possano cliccarci sopra, devono essere irresistibili!

Per fare ciò, ricorda le tue buyer personas. Per ogni profilo, un invito all’azione, poiché ogni invito all’azione andrà a una pagina di destinazione diversa, che distribuirà a sua volta contenuti specifici. Tieni sempre presente che l’utente deve sentirsi veramente compreso, è necessario che viva sul tuo sito un’esperienza il più possibile personalizzata.

Affinché il tuo invito all’azione spinga davvero il visitatore a fare clic, è possibile utilizzare diverse tecniche. Il più efficace è sicuramente quello dell’urgenza. Per urgenza, comprendere “offerta a tempo limitato”. Ad esempio, evidenzia un’offerta per i primi dieci iscritti, una vendita flash, una prova gratuita per cinque giorni, ecc. Anche qui sii inventivo e lascia parlare la tua creatività.

La tua call to action deve trovarsi in luoghi strategici per catturare la massima attenzione dei tuoi visitatori. L’importante è renderli visibili e attraenti in pochi secondi. Scommetti su colore, parole chiave, animazione…

Abbiamo sviluppato i fondamenti dell’Inbound Marketing. Ora, diamo un’occhiata ai vari aspetti di questo concetto, che devi padroneggiare per essere in grado di fare da solo un efficace Inbound Marketing.

Inbound Marketing: un vero investimento!

Il marketing inbound non è solo una parola d’ordine e una strategia digitale . È un vero investimento! Dì a te stesso che i soldi investiti nella pubblicità sono finiti una volta che è finita . I soldi investiti nei contenuti rimangono sul tuo sito per molti anni e generano lead, è una rendita!

L’Inbound Marketing è una vera e propria strategia di comunicazione, vendita e fidelizzazione. L’intero processo richiede quindi un investimento significativo da parte tua. Perché non si tratterà solo di pubblicare qualche articolo sul tuo blog o automatizzare qualche invio di email. Anzi. A monte, a valle, nel cuore del progetto, l’Inbound Marketing è una risorsa a tempo pieno, che si valuta nel breve, medio e lungo termine.

L’Inbound Marketing sta cambiando radicalmente il classico schema pubblicitario vecchio stile e, se vuoi avere successo nella tua strategia, dovrai adottare una nuova filosofia. Perché Inbound Marketing è proprio questo: una nuova filosofia, un nuovo atteggiamento, un nuovo approccio, che ti permette di mettere in discussione i valori della tua azienda, il modo in cui vuoi comunicarli, chi sono i tuoi clienti modello. , come vuoi creare relazioni sane con loro, sia a livello professionale che umano.

Produci contenuti di qualità, distribuiscili sulle giuste piattaforme, rimani in standby per non perderti nulla sulle novità, studia e analizza il traffico generato, prenditi cura dei tuoi lead, avvia la discussione e instaura per loro una relazione con i tuoi prospect. convertirsi in clienti, quindi conservarli e quindi mantenere praticabile l’intera strategia di marketing in entrata richiede tempo.

Per fortuna ce ne sono tanti strumenti per aiutarti ad automatizzare determinate attività e puoi anche chiama specialisti!

Per discutere del tuo desiderio di implementare una strategia di marketing inbound, fissa un appuntamento gratuito nella mia agenda .

Con l’organizzazione, tu sarà senza dubbio in grado di avere brillantemente successo nel tuo Inbound Marketing. L’essenziale è essere rigorosi, dalla creazione dei tuoi contenuti ai più piccoli attenzione al tuo cliente finale. L’installazione può richiedere molto tempo e i risultati probabilmente non vengono visualizzati nella prima settimana, ma investire tempo nell’Inbound Marketing è una vera opportunità per ottenere contatti, potenziali clienti e clienti.

Inbound Marketing: quanto costa?

Dal punto di vista dell’investimento finanziario, tutto dipenderà dalla tua struttura, dai tuoi metodi e dalle tue qualità.

In effetti, se hai talento per la scrittura, prenditi cura di scrivere articoli per il tuo blog. Uno dei tuoi dipendenti è particolarmente bravo nell’editing video? Affidagli la realizzazione di più contenuti visivi. Per le novità, iscriviti alle newsletter relative al tuo settore di attività, così sarai direttamente informato su ciò che sta accadendo, sulle ultime novità e sui prossimi eventi. Se hai dipendenti, coinvolgili a lungo termine nel processo di inbound marketing. Le loro idee completeranno sicuramente le tue e tutti saranno sulla stessa pagina su quale strategia adottare. La delega ti consentirà inoltre di risparmiare sull’eventuale sollecitazione dei fornitori di servizi.

Per quanto riguarda gli strumenti tecnici che ti permetteranno di lanciare le tue automazioni, Marketing Automation, o quelli che ti aiuteranno ad analizzare i dati di traffico, non mancano le offerte sul web, ma fai attenzione e scegli il software che sarà adatto alle tue esigenze. Molti software gestionali e di automazione sono stati pensati per le grandi aziende, e il loro prezzo ne risente: si aggira tra i 5.000 e i 10.000 euro al mese per poterli utilizzare. Ma l’offerta è diventata adatta alle piccole imprese e puoi trovare il software giusto per le tue esigenze e la tua strategia con prezzi che vanno da $ 0 a $ 800. Un prezzo che può sembrare sostanzioso, ma che verrà ammortizzato già dai primi mesi della tua strategia di inbound marketing. La chiave è definire chiaramente tutte le fasi del processo della tua strategia, per poter valutare con precisione di quali risorse avrai bisogno per realizzarle.

Inbound Marketing in poche cifre

Ecco l’aumento del traffico del blog che stai visualizzando, poiché l’implementazione di una strategia di Inbound marketing…

L’evoluzione del mio traffico dall’implementazione di una strategia di inbound marketing.

Ecco altri numeri:

  • In media, 1.200 nuovi contatti mensilmente vengono conteggiati per le aziende che pubblicano una quindicina post del blog al mese.
  • 8 secondi . Questo è il tempo medio durante il quale l’attenzione di un visitatore può essere catturato… o no.
  • 67 % più lead vengono acquisiti da aziende che hanno un blog attivo
  • 70% di i consumatori preferiscono gli articoli informativi, piuttosto che le pubblicità standardizzato.
  • 9 aziende su 10 vedono il loro traffico aumenterà entro 7 mesi dall’inizio della loro strategia Marketing in entrata.
  • Il Le e-mail personalizzate aumentano la percentuale di clic del 14%.

I dati mostrano che l’impatto dell’inbound marketing è davvero positivo. E questo, da tutti i punti di vista. Per te e la tua azienda, ovviamente, perché aumenti la tua visibilità, le tue vendite e quindi le tue prospettive di sviluppo. Ma anche per i clienti, che si sentono inseriti a pieno titolo nel processo di acquisto, considerati non più solo come borse da viaggio ma come veri protagonisti, attraverso il loro approccio iniziale, poi attraverso il rapporto che si instaura tra loro e la vostra attività.

Inbound Marketing: da dove cominciare?

L’Inbound Marketing è un dispositivo completo e preciso che obbedisce alle regole ed è costruito attorno a una metodologia dettagliata. Dovrai dedicare del tempo a pensare alla sua implementazione, e questo non è un passo da prendere alla leggera, perché sono coinvolte diverse abilità. Per aiutarti, ecco alcuni suggerimenti che puoi applicare in ordine cronologico:

1. Inizia facendo un inventario.

Hai già un blog? Puoi dire che la grafica del tuo sito è in linea con la tua cultura aziendale ? Cosa potrebbe essere migliorato nell’ottica per sedurre i visitatori? Che risorse hai già e che puoi integrare nel tuo Inbound Marketing? Questa primo passo permette di sgrossare il lavoro di allestimento.

2. Crea e studia le tue buyer personas.

Come abbiamo visto in precedenza in questo articolo, definire le tue buyer personas è un passaggio essenziale per la tua strategia di Inbound Marketing. Grazie a loro potrai creare contenuti che si adatteranno alla maggior parte dei profili dei tuoi clienti potenziali. Non trascurare questo passaggio, prenditi il tempo per pensarci tutte le eventualità.

3. Imposta un programma di pubblicazione per il tuo pubblico di destinazione e prometti di seguirlo da vicino.

La costanza è sinonimo di efficienza e resistenza. Due valori che hanno un impatto gratificante sia per te, ma anche per tutto il tuo target, che lo sentirà come tale. Non esitare a fare una pianificazione editoriale e a scrivere una strategia editoriale per aiutarti a pianificare tutte le tue azioni.

4. Stabilisci una tabella di marcia generale per il tuo marketing in entrata …

…e tienilo sempre vicino a te.

Lo ricorderai spesso, apportare modifiche, regolarlo in base ai tuoi risultati, alle tue idee, cambiamenti nel mercato… Sarà per te la bussola Navigatore!

5. Scegliere e configurare il software di Marketing Automation…

… che analizzerà i tuoi file di lead, potenziali clienti e clienti per inviare loro il contenuto giusto al momento giusto.

Entrano in gioco diversi fattori nella scelta della soluzione di automazione: costo, possibilità di sincronizzazione con altri strumenti di gestione, la gamma possibili azioni, ecc.

6. Infine, implementa la tua strategia di Inbound Marketing.

Ora che hai tutte le strumenti in mano:

  • Produrre o fai produrre i tuoi contenuti
  • Opera su SEO
  • Animare i tuoi social network
  • Studio i risultati del tuo test
  • Restare agile!

Inbound marketing: per concludere

L’Inbound Marketing si basa su un tunnel di conversione: visitatori > lead > prospect > clienti > ambassador, basato su quattro passaggi fondamentali.

Sta a te impostare i tuoi valori attraverso il processo di Inbound Marketing, guadagnerai in termini di produttività, perché i tuoi sforzi, se ben condotti, porteranno al tuo successo!

Un buon Inbound Marketing richiede una maggiore presenza sui social network. Se sei in BtoB, LinkedIn è un must. Per completare l’argomento, ti invito a scaricare la mia checklist per avere un profilo LinkedIn autorevole da cui poter pubblicare efficacemente i tuoi contenuti.

Puoi anche partecipare a una sessione strategica offerta per presentare le tue esigenze , la tua sfida e discutere di questo articolo e dell’Inbound Marketing:

Quindi cosa ne pensi della strategia di marketing inbound?

Cet article a été publié en premier sur https://www.proinfluent.com/

Vous avez trouvé une faute d’orthographe dans cet article ? Vous pouvez nous en faire part en sélectionnant le texte en question et en appuyant sur Ctrl + Entrée .

Vous aimez cet article ? Aidez-moi en le partageant !

Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on facebook
Share on pinterest
Share on email
Yannick Bouissière Expert LinkedIn

Qui est Yannick BOUISSIERE ?

Considéré comme l’expert LinkedIn™ n°1 en francophonie, j’ai aidé plus de 10 000 personnes à améliorer leur visibilité sur LinkedIn™ et à générer de réelles opportunités professionnelles.

J'accompagne et forme :
1. les professionnels à attirer et trouver des clients B2B sur les 5 prochaines années sans débourser un centime en publicité,
2. les professionnels à métamorphoser leur profil LinkedIn™ pour qu'il convertisse les visiteurs en prospects,
3. les professionnels à trouver l'emploi de leur rêve.

Enfin, nous vous aidons à vous libérer de 97% du temps de prospection commerciale BtoB grâce à la prospection commerciale externalisée. Et ce, avec une Triple Garantie 100% Résultats.

Voici nos formations LinkedIn™ et nos services de prospection & marketing BtoB.

Si vous découvrez ce site pour la première fois, suivez notre formation LinkedIn gratuite.

Bonne lecture !

Spelling error report

The following text will be sent to our editors: