Proinfluent expert de LinkedIn marketing BtoB (anciennement Linkinfluent)

Carta grafica: esempi e guida per una carta grafica professionale

guida completa per creare una carta grafica professionale

Sommaire

Sommaire

Linea guida, pilastro della tua strategia, la carta grafica è la base della tua comunicazione.
Sicuramente avrete già sentito parlare della carta grafica di un’azienda. Siamo anche i primi a consigliarti di seguirlo sempre bene! Detto “libro degli standard grafici”, raggruppa gli elementi visivi da utilizzare e gli standard da rispettare in un documento digitale. Ti spieghiamo in questo articolo in cosa consiste, perché è così importante e come, con esempi concreti, creare la tua carta grafica.

esempi di carte grafiche

Definizione della carta grafica

La carta grafica è un documento che riunisce tutti gli elementi visivi dell’identità della tua azienda : logo, colore, tipografia, immagine, illustrazione, ecc. È una guida da seguire per garantire la coerenza e l’omogeneità grafica della tua immagine su tutti i mezzi di comunicazione digitali o cartacei.

Rispetta la carta grafica

La carta grafica ti permette di creare tutti i tuoi mezzi di comunicazione. Ma non è tutto! La carta grafica ha anche lo scopo di indicare le “buone pratiche”, ovvero le regole da seguire. Include anche ciò che è vietato, ad esempio distorcere il logo. Torneremo su questo in dettaglio più avanti nell’articolo.

Lo devi a te stesso di aderire alla lettera, soprattutto quando hai appena iniziato la tua attività. Stai iniziando la tua attività e non hai ancora una reputazione, devi farti conoscere poco a poco. Per questo i tuoi mezzi di comunicazione devono essere tutti in linea con il tuo carico grafico.

Prendi l’esempio degli spot radiofonici, più li ascolti, più li memorizzi. È un po’ lo stesso caso, più sei visibile alle persone che ti ricordano, il tuo nome, i tuoi colori, la tua tipografia. Questo può funzionare solo se mantieni sempre la stessa base.

Composizione della carta grafica

La carta grafica deve riunire diversi elementi chiave che non vanno dimenticati.

La storia del marchio

È meglio avere una breve e concisa introduzione nel documento di progettazione grafica. Questo deve riunire rapidamente i valori della tua azienda, le missioni e il tuo universo.

Il logo della carta grafica

Il logo incarna la tua identità visiva e deve riflettere i tuoi valori . È una rappresentazione grafica della tua attività. È l’elemento fondante, ti permette di identificarti velocemente. È il caso delle grandi aziende come Apple e la famosa mela ad esempio. Deve essere presente su tutti i tuoi mezzi di comunicazione. All’origine del logo, lo stemma! È stato creato per la prima volta ai vecchi tempi con l’idea che tutte le persone che non sanno leggere possono riconoscere l’identità visiva utilizzando un pittogramma.

Devi indicare nella tua carta grafica:

  • Le dimensioni del logo in base ai supporti;
  • I colori del logo:
  • Gli spazi necessari intorno al logo (zona di protezione);
  • L’uso del logo, ovvero dei diversi sfondi colorati (negativo, a colori, in bianco e nero);
  • Le varianti;
  • Divieti.

La scelta dei colori

La scelta dei colori per la tua attività è un passaggio molto accurato. Non dovresti usare i colori solo perché ti piacciono. Devono avere un significato. Dimentichiamo i luoghi comuni che i colori possono rappresentare e scegliamoli seguendo i consigli di un grafico. Certe sfumature possono evocare cose nell’inconscio collettivo. Non si tratta qui di svolgere una noiosa indagine sulla posta in gioco di ogni colore, ma in base ai tuoi valori, ai tuoi obiettivi e ai tuoi target ( buyer personas ), alcuni non si adattano.

Ad esempio, usiamo il giallo perché è un colore stimolante e il blu perché trasmette fiducia e sicurezza. Questi due colori vengono attualmente adattati in modo tale da essere complementari. Il blu tende al turchese, tonalità limpida e gradevole, mentre il giallo è meno brillante per un effetto più morbido. Puoi utilizzare una cartella colori per identificare i colori armoniosi. Per avere un impatto visivo, i tuoi colori devono riflettere ciò che rivendichi. Prenditi il tuo tempo, fai diverse prove, provale con un pubblico diverso per trovare l’abbinamento perfetto. Se vuoi scegliere i colori utilizzando una tavolozza, ti consigliamo di utilizzare il sito Paletton .

Pensa in anticipo ai media che desideri utilizzare. In effetti, la resa cromatica a volte può differire su carta e online (sul tuo sito web per esempio). I colori pastello sono molto di moda e portano una certa leggerezza, ma spesso sono difficili da far risaltare nella stampa. Questo è un errore spesso (anche) fatto quando si avvia un’impresa. Inizi prima sviluppando il tuo sito web con la carta grafica e poi decidi di disegnare volantini, brochure commerciali… Purtroppo è già troppo tardi, anche se il risultato è troppo blando non puoi più tornare indietro!

Il colore della tipografia è scelto con giudizio. Infatti, è diverso dal tuo logo e deve essere leggibile su tutti i tuoi media.

Indichi sotto forma di tavolozza o in un cerchio tutti i colori che usi e il loro codice colore per ciascun supporto (RGB, CMYK, codice esadecimale, ecc.). Ecco le informazioni tipiche da compilare:

  • Il codice colore da utilizzare per il software di desktop publishing;
  • Stampa in quadricromia, ovvero colori CMYK o PANTONE se necessario (per stampanti);
  • Codici colore per schermi (RGB o codice esadecimale).

Tipografia o carattere tipografico

Rappresenta, come i colori, l’identità del tuo marchio. Ce ne sono migliaia e a volte è difficile trovare quello che si distingue.
Hai la possibilità di scegliere tra:

  • Font Serif, cioè ci sono collegamenti tra i caratteri;
  • Font sans-serif, come il nostro ad esempio;
  • Gli altri tipi di font: fantasy, gotico, ecc.

Le possibilità sono immense, ma non perdere mai di vista i tuoi valori. Sono la base delle tue future scelte visive e strategiche. La parola d’ordine: leggibilità.

Molte tipografie possono essere scaricate da DaFonT o dai siti di font di Google . Fai attenzione alla proprietà intellettuale, alcuni caratteri non possono essere utilizzati per scopi commerciali. La maggior parte dei caratteri sono “gratuiti per uso personale”. Per quanto riguarda le immagini, i diritti d’uso sono da acquisire a fini commerciali.

Nella tua carta grafica, spiega perché hai scelto questi caratteri e le diverse condizioni di utilizzo:

  • Come distribuirli sui tuoi mezzi di comunicazione: allineamento dei caratteri (centrato, giustificato), corsivo, grassetto, maiuscolo…
  • Come adattarli a ogni utilizzo: titolo, sottotitolo, citazione, testo… Ad esempio, il font ARIAL BASIC per i titoli e ARIAL ITALIC per i sottotitoli.
  • Quale spaziatura applicata tra linee e caratteri.

Il tono usato

Gli elementi “fondamentali” della carta grafica comprendono il logo e le sue indicazioni d’uso, i colori e la tipografia. Tuttavia, il tono utilizzato si trova spesso nella categoria dei grandi dimenticati. Adesso è molto importante! Il tono scelto deve essere in accordo con i tuoi valori. Non è lo stesso per un mental coach come per un’azienda che offre software di sviluppo.

Quindi ricorda di specificare lo stile che desideri aggiungere a tutti i tuoi documenti. I tuoi testi devono per esempio essere più seri o al contrario più leggeri, addirittura umoristici.

Le immagini della carta grafica

E’ possibile inserire immagini di esempio nella propria carta grafica. Questi possono illustrare il tuo sito web o i tuoi volantini.

Puoi anche costruire una Mood board che è un insieme di immagini come una trend board che riflette i sentimenti e le atmosfere che rivendichi .

Le variazioni dei mezzi di comunicazione

Non dimenticare di declinare il tuo logo così come i tuoi elementi visivi sugli scenari grazie ai mockup (scaricabili dal sito Graphic Burger ). I mockup offrono un’idea di come verrà visualizzato il caricamento della grafica su diversi supporti.

Le diverse versioni dei tuoi mezzi di comunicazione devono essere incluse nella tua carta grafica. Ad esempio, aggiungi biglietti da visita , modelli PowerPoint, modelli di firme e-mail, ecc. spiegando le regole dell’applicazione (dimensioni del biglietto da visita, layout PowerPoint, ecc.).

Esempio di carta grafica

Prendiamo l’esempio del nostro sito web:

  • Abbiamo scelto di utilizzare principalmente il blu, l’arancione/giallo, il bianco e il grigio. Ogni colore è utilizzato per una specificità.
  • Anche la nostra scrittura è sans serif per uno stile moderno e pulito. Rivendichiamo un’immagine dinamica, seria, fiduciosa, ma anche benevola.

Colori e caratteri sono stati selezionati in modo che funzionino bene l’uno con l’altro. Non è un caso, ma il frutto di un lavoro sull’alleanza tra colore e tipografia.

Hai bisogno di ispirazione? Vai su Pinterest , il social network di immagini che offre modelli di carte grafiche .

Quando utilizzare la carta grafica?

Il tuo documento viene utilizzato per ogni mezzo di comunicazione. A volte viene persino appeso negli uffici dei creativi in modo che sia sempre a portata di mano.

La tua carta grafica rimane l’elemento che trasmetti ai tuoi nuovi dipendenti, ad esempio. Se decidi di assumere un grafico, gli fornisci tutti gli elementi visivi per consentirgli, prima di tutto, di assorbire il tuo marchio, e in secondo luogo di rispettare gli elementi grafici.

Spesso è utile rileggere la tua carta grafica, ti permette di rimanere coerente quando progetti nuovi media. Come ad esempio se vuoi creare una pagina aziendale su LinkedIn™ .

3 consigli degli esperti per creare la tua carta grafica

Suggerimento n. 1: i valori della tua azienda: gli elementi chiave

Prima di creare il tuo logo, devi determinare i valori della tua azienda, il tuo DNA. Ricorda l’idea originale della tua azienda, ciò che vuoi contribuire.

Poniti le domande giuste. Che immagine vuoi dare? qual è la tua missione? Quali sono le tue offerte? Quali sono i tuoi punti di forza e vantaggi?

Suggerimento 2: chiama i professionisti dell’immagine

Si è tentati di voler produrre il proprio logo e la propria identità visiva. Per i creativi di cuore questa è sicuramente la parte più stimolante. Sfortunatamente, nessuno può improvvisarsi come grafico. È preferibile in questo caso rivolgersi a professionisti dell’immagine. Le agenzie di comunicazione sono pronte a supportarti dalla A alla Z. Ti aiutano con le domande per esprimere a parole i tuoi valori. Tuttavia, è normale avere diversi commenti da fare prima di finalizzare la TUA carta grafica.

Per definire l’immagine del tuo marchio, ti consiglio di pensare alle missioni della tua azienda e ai suoi valori. Da queste considerazioni nasce il posizionamento della tua azienda, ovvero il posto occupato dal prodotto rispetto al tuo competitor. In particolare, fa parte del tuo piano di comunicazione.

Consiglio n° 3: applica la tua carta grafica a tutti i tuoi media

Per ogni supporto, devi rispettare la tua carta grafica. Mantieni coerenza e armonia sui tuoi canali digitali (sito web, social network) e sui tuoi documenti cartacei (biglietti da visita, brochure di vendita , flyer , press kit , ecc.).

Una volta che la tua carta è a posto, non è consigliabile cambiarla, almeno non immediatamente. In effetti, quando inizi ad acquisire una certa notorietà, sarebbe un peccato rompere la tua omogeneità visiva.

Carta grafica: esempi e guida per una carta grafica professionale: in conclusione

  • La carta grafica è un documento essenziale per garantire la tua coerenza visiva.
  • Deve includere tutte le regole per l’utilizzo del logo, dei colori e della tipografia.
  • Devi assicurarti che sia completo e che si applichi a tutti i tuoi mezzi di comunicazione.

Carta grafica professionale: riassumere in tre domande

En quoi consiste une charte graphique ?

La charte graphique est le document qui récapitule vos valeurs et l’ensemble des éléments graphiques ainsi que leurs règles d’utilisation. C’est un guide pour maintenir la cohérence visuelle sur tous vos supports de communication.

Comment rédiger une charte graphique ?

Le document doit être concis et synthétique. Ce n’est pas une présentation marketing, mais bien un document technique qui est utile pour vous et vos futurs collaborateurs afin de respecter une cohérence visuelle. La charte graphique doit contenir une introduction qui rappelle vos valeurs, votre logo, vos couleurs, vos typographies, votre ton ainsi que toutes les règles d’utilisation.

Qui peut rédiger une charte graphique ?

Si vous maitrisez les logiciels de création graphique et que vous avez des bases solides en termes de graphisme et design, vous pouvez vous lancer dans la rédaction de votre charte graphique. Cependant, il est préférable de laisser la gestion de ce document à des professionnels comme les agences de communication. Le travail est collaboratif, vous avez toujours votre mot à dire !

Cet article a été publié en premier sur https://www.proinfluent.com/

Vous avez trouvé une faute d’orthographe dans cet article ? Vous pouvez nous en faire part en sélectionnant le texte en question et en appuyant sur Ctrl + Entrée .

Vous aimez cet article ? Aidez-moi en le partageant !

Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on facebook
Share on pinterest
Share on email
Yannick Bouissière Expert LinkedIn

Qui est Yannick BOUISSIERE ?

Considéré comme l’expert LinkedIn™ n°1 en francophonie, j’ai aidé plus de 10 000 personnes à améliorer leur visibilité sur LinkedIn™ et à générer de réelles opportunités professionnelles.

J'accompagne et forme :
1. les professionnels à attirer et trouver des clients B2B sur les 5 prochaines années sans débourser un centime en publicité,
2. les professionnels à métamorphoser leur profil LinkedIn™ pour qu'il convertisse les visiteurs en prospects,
3. les professionnels à trouver l'emploi de leur rêve.

Enfin, nous vous aidons à vous libérer de 97% du temps de prospection commerciale BtoB grâce à la prospection commerciale externalisée. Et ce, avec une Triple Garantie 100% Résultats.

Voici nos formations LinkedIn™ et nos services de prospection & marketing BtoB.

Si vous découvrez ce site pour la première fois, suivez notre formation LinkedIn gratuite.

Bonne lecture !

Spelling error report

The following text will be sent to our editors: