Proinfluent expert de LinkedIn marketing BtoB (anciennement Linkinfluent)

Remarketing: definizione, esempi e segreti di campagne di successo

remarketing

Sommaire

Sommaire

Vuoi aumentare le tue vendite? Generare più contatti? Aumentare la tua notorietà sul web? Il remarketing soddisfa i tuoi desideri. Secondo le statistiche I-COM, pubblicate nel 2020, il tasso di conversione è del 291,7% superiore a quello della pubblicità tradizionale. Chiamata anche retargeting degli annunci o retargeting , questa tecnica è potente per ottimizzare le tue possibilità di conversione. Continua a leggere per capire questa famosa strategia di web marketing. Ti forniamo spiegazioni con esempi di supporto. Infine, conoscerai i segreti delle campagne di successo.

definizione di remarketing, esempi e segreti

Che cos’è il remarketing?

Definizione di remarketing

Il remarketing è una tecnica che consiste nel recapitare messaggi pubblicitari ad un pubblico particolarmente qualificato . Corrisponde agli utenti Internet che hanno visitato il tuo sito e che sono interessati alla tua offerta. Questa pratica non è riservata solo ai siti commerciali. Anche i siti di vetrine, le app mobili e i blog possono abbracciarlo. In origine il termine “remarketing” era riservato a Google per designare la soluzione Google AdWords (che dal 2018 è diventata Google Ads). Oggi, attraverso l’abuso del linguaggio, le nozioni di remarketing e retargeting si fondono. Quando si tratta di remarketing, le tue piattaforme di servizi di retargeting pubblicitario possono ora corrispondere a:

Principio del retargeting: targeting e monitoraggio dell’utente di Internet

Un utente di Internet visita il tuo sito o la tua applicazione mobile. La soluzione digitale del tuo fornitore di servizi di remarketing rileva questo. Lo identifica numericamente, poi lo segue nel suo percorso grazie a un tracciante. Questo è un file di testo chiamato “monitoraggio del codice”, che elenca il suo comportamento di navigazione. Il tuo visitatore fa clic su diversi prodotti. Dopo aver letto le loro descrizioni, decide di non comprare nulla e lascia il tuo sito. Allora è probabile che:

  • continuare a navigare su altri siti;
  • consultare i social network;
  • inserire ulteriori ricerche.

È in questi momenti precisi che lo chiami tramite la visualizzazione automatica di un messaggio. Questo può essere personalizzato, nel qual caso il tuo annuncio viene quindi collegato alle pagine che lo interessano.

Ecco il principio di funzionamento generale del remarketing:

Come funziona il remarketing

Le diverse categorie di remarketing

Ci sono molti modi per fare retargeting. Citiamo i più famosi:

Remarketing standard

In questo modello, gli annunci pubblicitari offerti all’utente Internet non sono personalizzati . Corrispondono a:

  • annunci di testo;
  • banner visivi (immagini, testi e animazioni).

Questi messaggi vengono distribuiti alle persone che hanno visitato il tuo sito o utilizzato la tua applicazione per riesporre loro il tuo marchio e i tuoi prodotti o servizi.

Remarketing dinamico

Questo sistema di retargeting corrisponde all’offerta di Google. Offre l’opportunità di offrire annunci più persuasivi. Questi presentano ai tuoi visitatori i prodotti (o servizi) che hanno già visualizzato sul tuo sito o nuovi prodotti relativi alla loro cronologia di navigazione. È quindi una tecnica potente che tiene conto delle preferenze del tuo potenziale cliente.

Retargeting video

Ciò comporta l’introduzione di un breve video pubblicitario all’interno di quello che l’utente Internet visualizza su YouTube . Quest’ultimo deve percepire la tua proposta di valore entro i primi dieci secondi.

Il video è un potente canale di acquisizione e conversione. Assicurati che il tuo annuncio non duri più di 30 secondi.

video di remarketing

Retargeting e-mail

Il retargeting viene effettuato mediante l’invio automatico di e-mail alla casella di posta dell’utente Internet di destinazione. L’invio di e-mail consente di informarli delle tue offerte promozionali o di suggerire loro di finalizzare l’acquisto, ad esempio.

Per inviare e-mail ai potenziali clienti, hai ovviamente bisogno dei loro indirizzi. Ma il loro consenso è essenziale (cfr. CNIL). Un metodo efficace per raccoglierli è poi offrire loro un prodotto digitale gratuito (newsletter, ebook) in cambio dei loro recapiti. Questo, grazie alla creazione di un modulo che viene visualizzato automaticamente all’interno del tuo sito. Quest’ultimo corrisponde a quello che chiamiamo “pop-in”.

Retargeting LinkedIn Ads

LinkedIn™ è la piattaforma di retargeting più efficace per le aziende B2B, dopo Facebook™. Il retargeting di LinkedIn Ads implica l’indirizzamento dei tuoi annunci LinkedIn™ a persone che hanno già visitato il tuo sito o utilizzato i tuoi servizi. Puoi approfittarne per rafforzare la tua strategia di vendita social e quindi raddoppiare il numero di clienti.

Retargeting degli annunci di Facebook

Facebook ™ ha un enorme database dei suoi utenti. Inoltre, puoi programmare annunci pubblicitari ben mirati grazie al pixel di Facebook™ o al codice di tracciamento (equivalente ai cookie su Google™). È lo stesso principio di LinkedIn ™, l’obiettivo è essere presenti sulle piattaforme in cui si trovano i tuoi potenziali clienti.

Remarketing per gli annunci sulla rete Google Ads

La rete Google Ads è la rete di ricerca o la Rete Display . Costituiscono una raccolta di aree e siti Web che possono ospitare i tuoi annunci:

  • Google Maps;
  • Google Shopping;
  • siti partner di rete;
  • accanto alla pagina dei risultati di ricerca di Google.

Sulla rete di ricerca, i tuoi annunci sono rivolti agli utenti Internet che cercano prodotti simili ai tuoi. Sulla Rete Display, i tuoi messaggi si rivolgono alle persone che visitano il tuo sito dopo aver fatto clic su un link che hai pubblicato.

Remarketing multicanale

In questa categoria di remarketing, ti rivolgi all’utente Internet tramite più canali contemporaneamente. Questi possono essere canali online (banner, messaggi, ecc.) o canali offline (telefono , posta indirizzata, ecc.). Più complesso e più costoso, questo sistema si applica generalmente in B2B o B2C, per importi di acquisto elevati.

Remarketing multicanale

Esempi concreti di campagne di remarketing?

Ecco tre casi d’uso per il remarketing nelle tue campagne pubblicitarie.

1. Retargeting contro l’abbandono del carrello

Un utente arriva sul tuo sito. Consulta i tuoi servizi, i tuoi prezzi quindi aggiunge uno dei tuoi servizi nel carrello. Quindi, si registra, inizia a registrare la sua carta di credito. Improvvisamente, una telefonata gli impedisce di continuare la sua azione. Chiamato a un’altra attività, lascia il tuo sito. Il processo di transazione viene interrotto. Per ricordargli il suo ordine attuale, gli invii un’e-mail con l’oggetto : “il tuo carrello ti sta aspettando”. I tassi di conversione migliorano in modo significativo con il retargeting e-mail.

Retargeting - Invito all'azione

2. Remarketing per incoraggiare il contatto

Un dirigente d’azienda vorrebbe migliorare il traffico sul suo sito. Si è quindi iscritto al tema della SEO su LinkedIn . Qui si imbatte nel tuo post. Il contenuto qualitativo della tua agenzia rivela la tua esperienza nel campo. Sedotto, l’utente accede per la prima volta al tuo sito professionale. Pertanto, grazie al remarketing di LinkedIn Ads, promuovi i tuoi contenuti pertinenti a professionisti interessati ai tuoi servizi. Pertanto, li incoraggi a contattarti.

3. Retargeting della pubblicità fedeltà

Un’azienda acquista un abbonamento semestrale per utilizzare il software di fatturazione. Per fidelizzare i tuoi clienti e creare un rapporto di fiducia, invii loro e-mail personalizzate. Il tuo messaggio :

  • informa di un’offerta promozionale sull’estensione dell’abbonamento;
  • corrisponde a notizie relative al suo prodotto;
  • presenta uno sconto destinato solo ai clienti fedeli.

Il remarketing e-mail utilizza un sistema di automazione della campagna chiamato automazione del marketing.

Quali sono i vantaggi del remarketing?

Ottimizzi i costi pubblicitari e il ritorno sull’investimento (ROI) attraverso il retargeting. Questo costituisce una vera leva in una strategia di inbound marketing . Ha infatti molte caratteristiche vantaggiose:

  • Come abbiamo visto, il remarketing si rivolge agli utenti Internet che hanno visitato il tuo sito e che hanno espresso interesse per la tua offerta.
  • Il ROI del remarketing è spesso superiore rispetto alla pubblicità tradizionale, poiché questo modello reindirizza il tuo pubblico.
  • Hai la possibilità di creare elenchi per il remarketing che corrispondono ai tuoi obiettivi. Di conseguenza, puoi personalizzare i tuoi messaggi pubblicitari in base al comportamento del lead.
  • Il remarketing (Google Ads) funziona in base al costo per clic (CPC). Ciò significa che paghi solo se l’utente fa clic sul tuo annuncio.
  • Ottieni visibilità su Internet anche quando l’internauta non clicca sul tuo banner.

Quali sono i segreti per campagne di remarketing di successo?

Il remarketing può diventare un’arma di conversione. In genere, le campagne di successo tengono conto della tipologia dei visitatori e di molti altri parametri . Scopri i nostri 10 consigli per ottimizzare le tue azioni di remarketing.

Suggerimento 1: segmenta il tuo pubblico di retargeting

La suddivisione del pubblico principale in segmenti di pubblico secondari migliora ulteriormente la qualità degli annunci personalizzati. Ecco i cinque più comuni:

Segreto 1: identifica i tuoi ex clienti

Questi clienti si sono già fidati di te. È probabile che ti seguano di nuovo. Ecco, la strategia è poi quella di puntare sulla ricorrenza dei prodotti già acquistati e sulla stagionalità. Pertanto, è necessario offrire loro l’articolo giusto al momento giusto. Non c’è bisogno, ad esempio, di suggerire un secondo maglione di lana a metà marzo. Presenti invece camicie adatte alla primavera. Inoltre, spazia le tue campagne in modo da non generare sentimenti negativi.

Segreto 2: reindirizzare gli abbandoni

Nel vocabolario del marketing , “abbandonanti” si riferisce a persone che abbandonano il processo di acquisto prima del pagamento finale. Questo obiettivo è interessante perché rivela una reale esigenza. In effetti, la persona si è presa del tempo per scegliere un prodotto e quindi aggiungerlo al carrello. Le loro azioni mostrano un interesse per il tuo articolo. È quindi saggio accompagnarlo per aiutarlo a finalizzare il suo acquisto. Quindi a volte basta un’offerta sotto forma di sconto o di buono per convincerla.

Retargeting per ricordare gli abbandoni

Segreto 3: rassicurare i visitatori sulla pagina delle tariffe

Un utente interessato ai prezzi è spesso qualcuno interessato ai tuoi prodotti. È più probabile che vada a comprare o contattare la tua attività. Il tuo obiettivo è quindi quello di sollevare i suoi ultimi freni. È quindi opportuno offrirgli:

  • prodotti simili, forse più adatti alle loro esigenze;
  • una riduzione se si tratta di una riluttanza rispetto al prezzo;
  • contenuto rispondendo alle sue domande.

Segreto 4: creare un collegamento con chi è impegnato sui social network

Se qualcuno reagisce al tuo post su LinkedIn™ o su un altro network , è interessato al tuo marchio . Sarebbe un peccato non sfruttare il suo impegno . Identifica le persone che investono nelle tue inserzioni per guidarle meglio al passaggio successivo. Hanno interagito? Hai cliccato su CTA? Hai visitato il tuo sito? Puoi perfezionare il tuo remarketing stabilendo diversi livelli di targeting.

Segreto 5: personalizza i tuoi messaggi per mercato e settore

Quando la persona dei tuoi acquirenti corrisponde a diversi tipi di clienti, considera questi criteri:

  • il loro mercato (fornitura di servizi o prodotti);
  • loro settore di attività.

Il target di settore è importante per personalizzare la tua piazzola e la tua fascia di prezzo . In questo modo rafforzi la tua strategia di retargeting. Facciamo un esempio: offri un software che interessa sia un libraio che un assicuratore. Queste due persone probabilmente non sono sensibili allo stesso messaggio.

Suggerimento 2: perfeziona la tua strategia di remarketing

Oltre alla segmentazione del pubblico, anche cinque parametri determinano il successo delle campagne di remarketing.

Segreto 6: ottimizza la tua pagina di destinazione

La landing page si riferisce alla pagina web che riceve tutto il traffico per le tue campagne . Pertanto, è al centro della tua strategia di remarketing. Devi quindi ottimizzarlo perfettamente per la conversione (copywriting, UI/UX design, ..).

Pagina di destinazione ottimizzata

Segreto 7: regolamentare la ripetizione degli annunci

Ripetere messaggi pubblicitari identici può essere utile per una campagna di branding. Tuttavia, è meglio evitarlo come parte del retargeting. Perché spesso questa tecnica genera un cattivo feeling nei confronti del tuo brand. Devi trovare il giusto equilibrio tra rimanere visibile al tuo potenziale cliente e non essere troppo invadente.

Segreto 8: analizzare il comportamento del potenziale cliente

Alcune pagine visualizzate determinano il potenziale di conversione. Pertanto, la pagina dei prodotti, dei servizi e dei prezzi suggerisce una trasformazione migliore rispetto alla home page. Le tue analisi del traffico ti forniscono informazioni interessanti sul comportamento dei visitatori (pagine visualizzate, tempo di visita, ecc.).

Segreto 9: capire le abitudini dell’utente di Internet

Per coinvolgere un lead o un potenziale cliente nel processo di transazione, gli annunci devono essere visualizzati al momento giusto. Quindi individuare i diversi giorni e orari in cui l’utente naviga in Internet nonché i suoi centri di interesse.

Segreto 10: adattare il ritardo dall’ultima visita

Questo parametro non è trascurabile nella realizzazione di campagne pubblicitarie. Infatti, ti converti più facilmente quando agisci sulla memoria del potenziale cliente. Quindi un utente che ha visitato il tuo sito tre giorni fa ha maggiori probabilità di impegnarsi rispetto a quando la scadenza era di tre mesi.

Remarketing: definizione, esempi e segreti di campagne di successo, in conclusione

  • Il remarketing è la visualizzazione automatica di pubblicità pertinente a un pubblico ben mirato. Si tratta di ri-esporre il tuo marchio o i tuoi prodotti/servizi a un potenziale cliente che ha indicato l’intenzione di acquistare (visita a un sito, utilizzo di un’applicazione, un servizio, ecc.).
  • Il retargeting può essere una componente strategica formidabile nelle tue campagne pubblicitarie.
  • I segreti di campagne di remarketing di successo:
    • segmentazione del pubblico;
    • ottimizzazione della landing page per la conversione;
    • studio del comportamento e delle abitudini dei prospect;
    • tenendo conto del tempo trascorso dall’ultima visita.

Remarketing: per riassumere in tre domande

Comment faire du remarketing ?

Scegliamo di eseguire il remarketing con Google Ads e la Rete Display. Segui questi passi:

  1. Crea un elenco di retargeting per il tuo sito, ovvero il tuo pubblico di destinazione.
  2. Crea una nuova campagna scegliendo la Rete Display come tipo di campagna.
  3. Verifica gli obiettivi che ti si addicono: iscrizione alla newsletter, contatti, vendite…
  4. Imposta la tua campagna con gli elementi di base: nome, area geografica, lingua, strategia di offerta.
  5. Fai clic su “Impostazioni aggiuntive” per aggiungere altri elementi, se lo desideri: programma di trasmissione, tipi di dispositivi da scegliere come target…
  6. Seleziona il tuo pubblico nella sezione “Persone”.
  7. Fai clic su “Remarketing”, quindi su “Salva”.

Quels utilisateurs pouvez-vous cibler avec le remarketing dynamique pour les inciter à revenir sur un site Web ?

Questi sono gli utenti di Internet che:
• interessato alle tue schede prodotto;
• abbandonare il carrello della spesa;
• lasciare un commento o un’opinione favorevole sul tuo sito;
• visitare siti web simili ai tuoi, o anche ai tuoi concorrenti.

Comment effectuer une campagne Google Adwords ?

  1. Apri un account con Google Ads se questa è la tua prima campagna con Google.
  2. Accedi al tuo account e poi lasciati guidare. I seguenti passaggi sono facili da eseguire.
  3. Crea una nuova campagna scegliendo il tipo di campagna che desideri. Questi sono i luoghi in cui vuoi che appaia la tua offerta commerciale.
  4. Scegli un obiettivo per la tua campagna tra quelli che ti vengono offerti: vendite, lead, traffico sul tuo sito, ecc.

Fonte:

Infografica I-COM, 13 nov. 2020, https://www.i-com.net/blog/remarketing-what-its-all-about-and-does-it-really-work

Cet article a été publié en premier sur https://www.proinfluent.com/

Vous avez trouvé une faute d’orthographe dans cet article ? Vous pouvez nous en faire part en sélectionnant le texte en question et en appuyant sur Ctrl + Entrée .

Vous aimez cet article ? Aidez-moi en le partageant !

Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on facebook
Share on pinterest
Share on email
Yannick Bouissière Expert LinkedIn

Qui est Yannick BOUISSIERE ?

Considéré comme l’expert LinkedIn™ n°1 en francophonie, j’ai aidé plus de 10 000 personnes à améliorer leur visibilité sur LinkedIn™ et à générer de réelles opportunités professionnelles.

J'accompagne et forme :
1. les professionnels à attirer et trouver des clients B2B sur les 5 prochaines années sans débourser un centime en publicité,
2. les professionnels à métamorphoser leur profil LinkedIn™ pour qu'il convertisse les visiteurs en prospects,
3. les professionnels à trouver l'emploi de leur rêve.

Enfin, nous vous aidons à vous libérer de 97% du temps de prospection commerciale BtoB grâce à la prospection commerciale externalisée. Et ce, avec une Triple Garantie 100% Résultats.

Voici nos formations LinkedIn™ et nos services de prospection & marketing BtoB.

Si vous découvrez ce site pour la première fois, suivez notre formation LinkedIn gratuite.

Bonne lecture !

Spelling error report

The following text will be sent to our editors: